As.tro ha inviato un’istanza alle Istituzioni italiane per chiedere l’adozione di misure urgenti a tutela degli imprenditori del settore gioco pubblico.

L’Associazione, in particolare, ha avanzato una richiesta di sostegno per le aziende del comparto, finalizzata a fronteggiare le gravi ripercussioni -sul fronte economico ed occupazionale- causate dall’emergenza sanitaria in atto sull’intero territorio nazionale.

Nello specifico si chiede l’urgente adozione delle seguenti misure: 1) previsione ed estensione del ricorso alle esistenti forme di ammortizzatori sociali per tutte le aziende del settore, al fine di salvaguardare il più possibile gli attuali livelli occupazionali ed il percepimento delle retribuzioni da parte dei dipendenti; 2) allo scopo di evitare inevitabili crisi di liquidità, si chiede – per il solo periodo di vigenza delle norme emergenziali – la rimodulazione dei periodi contabili per il versamento del PREU e la proroga delle scadenze relative al canone di concessione e agli altri adempimenti fiscali; 3) sempre limitatamente al periodo di vigenza delle norme emergenziali, si chiede che sia prevista l’interruzione del calcolo forfetario sulla raccolta.

A causa delle restrizioni normative adottate per contenere l’emergenza Covid-19, le realtà imprenditoriali del comparto stanno rischiando seriamente un grave ed irreversibile collasso economico-finanziario ed As.tro -impegnata in prima linea per sostenere le imprese in questo difficile momento- si è resa, quindi, disponibile a ogni forma di confronto con le Istituzioni per fronteggiare questa emergenza.