Le associazioni Acadi-CONFCOMMERCIO, Fiegl-CONFESERCENTI e Sistema Gioco Italia- CONFINDUSTRIA, hanno inviato congiuntamente una richiesta contenente chiari e definiti ristori imprescindibili per la sopravvivenza del comparto del gioco pubblico, al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, al Ministro Gualtieri, al Sottosegretario Baretta, al Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli ed al Direttore Minenna in rappresentanza del al comparto dei giochi pubblici.

“Con l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 il Governo ha ritenuto di prevedere una nuova chiusura del Gioco Pubblico ed è evidente che imprese e lavoratori del comparto non sono in grado di sostenerla senza adeguati interventi di ristoro da parte delle Istituzioni.

Lo choc della chiusura totale imposta dalla situazione emergenziale richiede, dunque, una serie di misure, volte a tutelare e salvaguardare il sistema concessorio, i pubblici esercizi e le proprie filiere, salvaguardandone con ciò anche l’occupazione e, quindi, il patrimonio di esperienze e di capacità operativa delle aziende.

Per tali ragioni, nell’ambito delle politiche fiscali di ristoro delle imprese in corso di definizione da parte del Governo, è stata evidenziata, nella missiva, l’urgenza e la necessità di misure specifiche”.