“Il gravissimo aumento dei costi dell’energia, del gas, delle materie prime, dei carburanti etc. etc. sta mettendo in ginocchio anche l’ippica nazionale: ippodromi ed operatori tutti. In questi primi mesi dell’anno le bollette arrivate alle società di corse sono addirittura il quintuplo di quelle del 2021. Questo ovviamente vale per tutte le aziende commerciali ed artigianali, molte delle quali stanno addirittura chiedendo l’attività e ci auguriamo che il Governo assuma iniziative per risolvere urgentemente questi problemi e che il decreto aiuti bis approvato oggi sia il primo passo per risolvere questa gravissima situazione”. E’ quanto scrive in una nota il presidente del Coordinamento Ippodromi, Attilio D’Alesio.

“Per quanto riguarda il nostro settore, come Coordinamento Ippodromi avevamo già mandato mesi fa varie lettere ai vertici ministeriali per richiedere un incontro per cercare di risolvere questo problema, ma purtroppo non abbiamo ricevuto alcun riscontro. Ci auguriamo quindi che il prossimo Ministro affronti anche questo problema che può essere risolto sia prevedendo finanziamenti aggiuntivi alle sovvenzioni in essere ma anche anticipando l’orario di inizio delle corse senza dover utilizzare gli impianti di illuminazione.

Questo – prosegue la nota – è solo uno dei tanti gravi problemi che stiamo attraversando e che si va ad aggiungere al fatto che ancora non conosciamo lo stanziamento ed il contratto degli ippodromi per il 2023. Stiamo quindi organizzando una riunione con tutti gli ippodromi nazionali per tentare di condividere una proposta da presentare unitariamente al Ministero ed avviare finalmente un percorso per salvare e rilanciare la nostra ippica. Gli ippodromi associati al coordinamento hanno già preparato e condiviso i punti da presentare al Ministero, che ci auguriamo siano condivisi da tutti gli ippodromi nazionali”, conclude D’Alesio.

Articolo precedenteScommesse Coppa Davis, Bologna pronta a trascinare l’Italia: su Snai azzurri a 1,25 contro la Croazia e favoriti per la vittoria finale
Articolo successivoGioco online, EGBA rafforza gli sforzi contro il riciclaggio di denaro con nuove linee guida paneuropee