Italia Viva sostiene in tutte le sedi, in Parlamento e al Governo, la giusta battaglia del settore “giochi legali” con l’intento che tutte le attività possano riaprire il più velocemente possibile. È quanto emerso dall’incontro, svoltosi alla Camera dei deputati, tra il Presidente di “Giocare Legale” in rappresentanza delle associazioni A.G.S.I, A.Gi.Le, C.G.S.S. C.N.I. e il Presidente del Gruppo Italia Viva, on. Maria Elena Boschi.

Nel corso dell’incontro cordiale e positivo, si è posta una particolare attenzione, su alcuni punti fondamentali, atti ad una ripartenza sostenibile e in sicurezza. Tra questi, il serio rischio di fallimento di tantissime società, che operano su autorizzazione dello Stato, la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro e la forte preoccupazione relativa alle attività che, viste le chiusure e i divieti, si stanno consegnando alla criminalità organizzata. Per queste ragioni, sono stati fatti i giusti passaggi ai ministeri competenti, il Mef e il Viminale. Ma l’azione di Italia Viva, non si ferma qui. Anzi, sarà ancora più incisiva in vista della riunione di lunedì 17 maggio, tra le forze di maggioranza per discutere delle riaperture. Il Presidente Chiacchio ha ringraziato l’On. Boschi, che insieme al ministro Elena Bonetti, il vice presidente della Camera Ettore Rosato, il presidente della Commissione Finanze Luigi Marattin, i deputati Gennaro Migliore e Massimo Ungaro e la senatrice Daniela Sbrollini, per l’enorme attenzione e sostegno, offerto all’intero settore dei giochi legali. “Siamo certi che – conclude Chiacchio – la nostra azione fondata sul confronto e la sensibilizzazione, porterà presto quelle risposte che decine di migliaia di lavoratori e imprenditori attendono da sin troppo tempo”.

foto di Stefano Albamonte