“Siamo la miglior rete di distribuzione del prodotto pubblico. Il tabaccaio crede nella concessione dello Stato, è pronto ad investire nel sistema. In questa condizione è garante del servizio, controlla che il gioco non sia fruito dai minori”.

Così Giovanni Catelli, vicepresidente vicario nazionale FIT, durante il Webinar organizzato dall’Istituto per la competitività e IGT dal titolo: “La sfida di una fiscalità sostenibile per lo sviluppo e l’innovazione del gaming in Italia“.

“La regolamentazione rigorosa – prosegue Catelli – serve a tutelare l’ambiente di gioco. Riteniamo sia importante però garantire omogeneità delle regole, c’è differenza da territorio a territorio e lo Stato dovrebbe garantire questa omogeneità. Siamo aperti anche al gioco online, non siamo fermi sulle nostre posizioni, abbiamo l’apertura necessaria per sviluppare ed investire anche in altre soluzioni per il gioco. Condivido tutto quello che ha dichiarato il direttore generale dell’ADM Marcello Minenna, ma ricordiamo che l’offerta illegale continua a crescere. Attenzione, la fiscalità che impone tasse sempre più onorese spinge il giocatore verso quelle offerte che non pagano imposte. Noi come federazione ci spendiamo per far crescere una categoria che garantisce la legalità e la distribuzione dei prodotti dello Stato, confermando la nostra apertura e disponibilità a lavorare prodotti fruiti online”

Articolo precedenteIl Gaming in Italia, Minenna (ADM): “Flessibilità e una autorità di vigilanza per affrontare le sfide del nuovo mercato dei giochi”
Articolo successivoIl Gaming in Italia, Faina (ANITEC- Assinform): “IT e digitalizzazione sono opportunità per le imprese, ma servono regole chiare”