“La nostra organizzazione sindacale, in riferimento agli articoli apparsi sulle testate giornalistiche tradizionali ed on line, vuole intervenire facendo alcune precisazioni. Una premessa è d’obbligo, quello che è successo pochi mesi addietro è stata una tragedia di portata planetaria e purtroppo non ancora risolta. Il Casinò è ripartito con tutte le difficoltà del caso, mettendo in sicurezza clienti e lavoratori e su questo bisogna fare un plauso all’attuale management. Detto questo, analizzando i dati di chiusura del mese di agosto relativi agli introiti, bisogna soffermarsi per constatare che le roulette francesi hanno tenuto ‘botta’ (-17,34 %rispetto all’anno precedente) mentre i giochi americani sono affondati (-63,64%)”.

Così Dario Del Tufo, segretario Snalc-Cisal Casinò, in merito ai dati di agosto della casa da gioco. “Questo dato evidenzia che le roulette francesi, vituperate da molti ‘soloni’ interni ed esterni la casa da giochi, hanno ancora un appeal, un gradimento, un senso di esistere tutt’oggi e non sono pezzi d’antiquariato – conclude – per quanto riguarda il tonfo dei giochi americani è riconducibile ad una programmazione ed organizzazione sbagliata, già sottolineata in tempi non sospetti dalla nostra organizzazione sindacale. Concludendo, chiediamo a gran voce un incontro urgente, come da lettera già inviata (lunedì 31 agosto), per trovare soluzioni per il bene della casa da gioco”.