In merito alle problematiche riscontrate da vari Concessionari del gioco del Bingo, relativamente all’obbligo di presentazione di fideiussione da rilasciarsi a garanzia del pagamento della quota di canone di concessione provvisoria sospesa a seguito di ordinanze cautelari emesse dal T.A.R. o dal Consiglio di Stato, l’ANIB (Associazione Nazionale Italiana Bingo) rende noto che risulta possibile assolvere a tale onere anche costituendo, a favore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, un deposito cauzionale provvisorio mediante versamento, dell’ammontare della somma stabilita nell’Ordinanza, su conto corrente dedicato presso la tesoreria di A.D.M..

Advertisement

Tale opportunità – precisano dall’ANIB – permetterà, tra l’altro, in caso di positivo pronunciamento della Corte Costituzionale chiamata a decidere sulla questione di legittimità costituzionale relativa all’art. 1, comma 1047, della legge 27 dicembre 2017, n° 205, di rientrare facilmente in possesso delle somme accantonate con un importante risparmio economico per spese assicurative o bancarie che si attestano sul 3 o 4 per cento del dell’importo da garantire.