I membri del Betting and Gaming Council (BGC) rimuoveranno volontariamente tutta la pubblicità dei prodotti TV e radio durante il blocco COVID-19.

L’annuncio è l’ultimo della serie di nuove misure introdotte dai membri della BGC per garantire che gli scommettitori siano protetti durante l’attuale pandemia, nonostante un calo della spesa pubblicitaria oltre a una riduzione del 10% del volume di pubblicità televisiva su sport e casinò.

L’amministratore delegato della BGC Michael Dugher ha dichiarato: “Dal primo giorno di questa crisi abbiamo cercato di proteggere i clienti potenzialmente a rischio, tra cui l’annuncio di aumentare le misure di gioco più sicure come parte delle nostre dieci promesse per il Covid-19 di marzo. Quest’ultima mossa del settore regolamentato sottolinea ulteriormente il nostro impegno per scommesse e giochi più sicuri. Lavoriamo a stretto contatto con le nostre aziende associate da quando questa crisi ha iniziato a monitorare l’impatto delle scommesse e dei giochi. Non c’è stata un’esplosione nelle persone che scommettono online come alcuni avevano previsto – in realtà, è vero il contrario con entrate totali fino al 60%.

Anche i livelli di gioco d’azzardo sono notevolmente diminuiti a causa della chiusura dei negozi di scommesse e dei casinò e della sospensione dello sport dal vivo. E mentre anche i livelli pubblicitari su sport e casinò sono in calo, sempre in contrasto con alcune affermazioni, riconosciamo che rimuovere la pubblicità sui prodotti fungerà da ulteriore salvaguardia durante il covid-19″.

Anche il direct marketing è notevolmente diminuito, mentre i membri di BGC hanno anche aumentato la visibilità di strumenti di gioco più sicuri. Gli spazi pubblicitari televisivi e radiofonici esistenti saranno sostituiti da messaggi di gioco più sicuri, donati a enti di beneficenza o rimossi dalle trasmissioni ove consentito dai contratti.

La decisione, che sarà rivista una volta allentate le attuali misure di blocco, dovrebbe essere attuata “entro e non oltre giovedì 7 maggio”. L’impegno rimarrà in vigore per sei settimane fino almeno al 5 giugno.

Dugher ha continuato: “Questo importante annuncio da parte dei nostri membri comporterà la rimozione di metà della pubblicità di tutti i prodotti su TV e radio. Spero ora che altri importanti operatori del gioco d’azzardo come la Lotteria Nazionale seguano il nostro esempio.

Durante questa crisi, in quanto nuovo ente normativo, BGC ha lavorato a stretto contatto con il governo. I ministri e l’autorità di regolamentazione meritano tutti riconoscimento per la loro ferma e costante determinazione di avere un approccio basato sull’evidenza e di chiedere giustamente standard più elevati. Ci saranno sempre rumori allarmanti da parte di proibizionisti anti-gioco d’azzardo che vogliono solo catturare titoli, ma è questo approccio serio, costruttivo e basato sull’evidenza da parte dei membri regolamentati della BGC che ha portato a questo ulteriore grande cambiamento. Siamo determinati a fare tutto il possibile per proteggere i clienti potenzialmente a rischio durante questo periodo di blocco e oltre e siamo determinati a guidare gli elevati standard che il pubblico si aspetta da noi. Spero che altri seguano il nostro esempio”.