AsTro, il presidente Pucci: “Buon lavoro ad astro4her”

“Si inaugura oggi il sito di astro4her (www.astro4her.it), il tavolo permanente, avviato su iniziativa di alcune personalità femminili provenienti dalle diverse realtà imprenditoriali del settore, a cui ASTRO ha messo a disposizione la propria struttura e organizzazione”. Così in una nota il presidente di AsTro, Massimiliano Pucci (foto).

“L’idea ispiratrice che ci ha convinto a contribuire alla creazione di questo “tavolo” è stata inizialmente quella di dar vita ad una struttura permanente in cui le donne operanti nel settore del gioco legale potessero elaborare idee e proposte per promuovere, al suo interno, l’obiettivo della parità di genere, un concetto che mi piace declinare, emancipandolo da ogni costrizione retorica, utilizzando le parole di Mario Draghi: <<una vera parità di genere non significa un farisaico rispetto di quote rosa richieste dalla legge ma richiede che siano garantite parità di condizioni competitive tra generi, un riequilibrio del gap salariale e un sistema di welfare che permetta alle donne di dedicare alla loro carriera le stesse energie dei colleghi uomini, superando la scelta tra famiglia e lavoro>>. Si è trattato quindi – prosegue Pucci – di dare un segnale forte verso un percorso di sensibilizzazione della nostra categoria imprenditoriale per la creazione di modelli sempre più inclusivi”.

“Osservando le numerose riunioni del “tavolo astro4her”, tenutesi fin dal suo avvio e l’entusiasmo con cui è stata accolta questa iniziativa anche fuori dal mondo ASTRO, ho iniziato a percepire l’importanza che il contributo femminile può apportare al processo di “normalizzazione” del settore. Purtroppo, nel corso di questi ultimi anni la visibilità e l’autopercezione del settore del gioco legale è stata sempre influenzata dalle battaglie che quotidianamente siamo costretti ad affrontare per difenderci dai continui attacchi che provengono dal mondo politico, dalle amministrazioni locali e dalla stessa opinione pubblica. Sono attacchi che – aggiunge il presidente di AsTro – evidenziano una contraddizione di fondo: lo stesso legislatore che decise, nei primi anni 2000, di includere nell’alveo della legalità un intero settore imprenditoriale è quello che ora pone in atto, sia con atti concreti che con campagne di disinformazione, delle condotte volte a negare dignità alle imprese del gioco all’interno del sistema Paese.

Il doversi occupare ogni giorno di queste continue battaglie di retroguardia, a difesa della nostra sopravvivenza, ha contribuito ad alimentare la percezione, anche verso noi stessi, di continuare ad essere figli di un dio minore. Siamo quindi entrati in un circolo vizioso da cui potremo divincolarci, non certo abbandonando le battaglie a nostra difesa ma imponendoci, noi per primi, come parte integrante del sistema paese. Ed è proprio la nostra componente femminile, con il suo pragmatismo creativo che la contraddistingue, a poter offrire un contributo importante per procedere in questa direzione. Mi faccio quindi portavoce dell’orgoglio di tutta ASTRO per essere stata capace di dare casa ad una così nobile e fondamentale iniziativa. Rivolgo, a tutte le fondatrici di astro4her e a coloro che hanno successivamente aderito all’iniziativa, gli auguri di buon lavoro ed il ringraziamento di ASTRO per l’importante contributo di modernità che stanno mettendo a disposizione dell’intero settore”, conclude Pucci.

Articolo precedenteFermata corsa clandestina di cavalli a Nicolosi (CT), 9 denunce: per il vincitore in palio 200mila euro
Articolo successivoClienti cercano di acquistare gratta e vinci e sigarette con il reddito di cittadinanza, tabaccheria di Ladispoli (RM) dice no