In Emilia-Romagna iniziano a registrarsi i primi effetti derivanti dall’applicazione del distanziometro di 500m imposto ai punti dedicati al gioco dalla Legge Regionale n.5/2013. Uno strumento -quello della distanza minima- adottato con il fine ultimo di contrastare la dipendenza da…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati