gioacchini
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Un corso per approfondire gli strumenti per il contrasto delle varie forme di illegalità presenti sul territorio e l’analisi di aspetti importanti come la tutela dei minori. E’ unanime il consenso delle Forze dell’Ordine che hanno preso parte, oggi, al corso di formazione di Macerata, terzo appuntamento nelle Marche dopo quelli di Civitanova Marche e Treia, organizzato da As.Tro. Le Forze dell’Ordine hanno potuto acquisire informazioni per la tutela dei cittadini sul fronte del contrasto alla ludopatia, garantiscono Carabinieri e Guardia di Finanza, che hanno preso parte all’evento.

L’iniziativa, nata per formare Comuni e Forze di Polizia sul gioco autorizzato e regolamentato dallo Stato, è promossa da Assotrattenimento 2007 – As.Tro Confindustria SIT, associazione degli operatori del gioco lecito, tramite il suo vicepresidente con delega alle Marche, Paolo Gioacchini. Il progetto è stato condiviso dall’amministrazione comunale di Macerata che, a sua volta, ha coinvolto l’ambito comunale dell’A.T.S. n. 15 che riunisce i Comuni di Appignano, Corridonia, Macerata, Mogliano, Montecassiano, Petriolo, Pollenza, Treia ed Urbisaglia. Il relatore del corso, dott. Claudio Bianchella, già funzionario Aams Marche e membro del Centro Studi As.Tro, ha approfondito alcuni dei punti che riguardano l’offerta di gioco. Tra i partecipanti, anche alcuni funzionari dell’Agenzia delle Dogane delle Marche (Ufficio di Macerata) ed il responsabile prevenzione Area Vasta 4-Servizio Territoriale Dipendenze Patologiche.

«Abbiamo avuto riscontri molto positivi sull’incontro da parte di tutti i partecipanti», dichiarano Paolo Gioacchini e Claudio Bianchella. «L’unico nostro rammarico è che, nonostante il forte dibattito in corso sul tema del gioco, si è registrata la presenza solo del comune di Appignano. I presenti, tuttavia, si sono dichiarati molto soddisfatti del format, funzionale alla causa, cosa che ci riempie di orgoglio e ci conferma l’efficacia del progetto».

Focus, in particolare, sulle New Slot, sulle Videolottery e sulle Agenzie di scommesse, per poi concludere con una veloce carrellata sulle principali tipologie di gioco irregolari presenti sul mercato. Il corso, durato tre ore, era rivolto soprattutto al personale dei SUAP – gli uffici per le attività produttive ed il commercio – e alle forze di polizia e rientra in un progetto di collaborazione tra gli operatori della filiera del gioco lecito e le istituzioni.

Commenta su Facebook