Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) L’Organismo Direttivo dell’Associazione è stato convocato per giovedì 14 settembre a Bologna, per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno.

  1. Conferenza Unificata: disamina dell’intesa politica raggiunta tra EELL e Governo e proiezione giuridica della successiva fase normativa che dovrà tradurla in regole vigenti.

 

Sul punto si specifica che – a prescindere dalla evidente difficoltà di decifrare un accordo politico – tutti i concetti espressi dalla Conferenza in termini di accordo dovranno essere tradotti in norme, e queste ultime dovranno poi essere applicate e osservate.

 

Si evidenzia che i temi dell’AWP REMOTO, e delle date di “game over” stabilite dalle Leggi Regionali di Piemonte e Emilia Romagna, per i quali l’Associazione ha uno storico di attività di intervento sia “tecnico” che “politico”, saranno oggetto di relazione da parte dei Consiglieri impegnati in esse.

 

  1. Legge n. 96/2017 di conversione del D.L. n. 50 del 24 aprile 2017, approvante la riduzione del numero di N.O.E. sino al raggiungimento del numero massimo di autorizzazioni consentite pari a 265.000.

 

Sul punto si specifica che la Legge, e di conseguenza il decreto ministeriale attuativo, prescrive solo un traguardo numerico, che presuppone la dismissione di N.O.E., ma non individua percorsi o criteri per raggiungerli. Solo l’azione “sussidiaria” e “autoritativa” dell’Agenzia delle Dogane, chiamata a far quadrare i conti nei tempi prestabiliti nell’ipotesi di inerzia totale o parziale delle reti telematiche, è sottoposta a percorsi vincolati.

 

  1. Riforma del Centro Studi AS.TRO e Istituzione dell’Ufficio Affari Legali dell’Associazione, il primo affidato alla Direzione del Dott. Armando Iaccarino, il secondo all’avvocato Michele Franzoso.

 

Sul punto si specifica che gli Organismi tecnici costituiscono, nell’ottica di rilancio, uffici dotati di autonomia, ma interamente devoluti all’affiancamento dell’azione del comitato di Presidenza approvata dal Consiglio Direttivo, attraverso il rispettivo supporto scientifico e giuridico.

Commenta su Facebook