È stata siglata nella regione Lazio “l’alleanza per la legalità”, un coordinamento che vede incluse tutte le sigle maggiormente rappresentative come Sapar, Acadi, Acmi, Assotabaccai, Donne in gioco, FIT Sts, Astro e Egp.

Le associazioni rappresentative degli operatori hanno pubblicato il manifesto per la cultura del gioco legale: tra gli obiettivi c’è la volontà di informare e prevenire sui rischi connessi con le attività di gioco e lavorare ogni giorno per promuovere la cultura della legalità.

I protagonisti di questo patto sono le realtà associative del territorio, le aziende, i 16.000 lavoratori del Gioco Pubblico, ovvero quelle donne e quegli uomini che gestiscono e offrono intrattenimento sano e legale ai cittadini e che vogliono identificare un modello nazionale: “Dobbiamo puntare a una riforma organica, inclusiva, che aumenti la sicurezza della popolazione e dia certezze ai lavoratori e alle loro famiglie”.

Su questa importante alleanza è intervenuto il Presidente della delegazione Sapar Lazio, Gabriele Perrone, che ha affermato: “Un lungo lavoro per confermare l’unità del settore e raggiungere, insieme, i risultati che ci siamo prefissati. Stiamo lavorando per concepire e portare avanti un modello innovativo che possa rappresentare il giusto punto di equilibrio tra interessi coinvolti, un riferimento per le altre regioni oltre che uno spunto per il Governo in sede di riordino”.