Durante lo svolgimento delle attività istituzionali svolte dall’Ufficio dei Monopoli per il Friuli Venezia Giulia presso gli esercizi commerciali, i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) hanno rinvenuto e sequestrato un apparecchio con meccanismo di sicurezza anti-tamper non funzionante.
L’anti-tamper collegato alla scheda di gioco è un sistema anti-effrazione posto a tutela della legalità del gioco, per evitare manomissioni della scheda e dei contatori delle partite, da cui
dipende il rispetto delle percentuali minime di vincita previste per legge.
Ai soggetti interessati, proprietario dell’apparecchio ed esercente, sarà notificata dall’Ufficio la
sanzione amministrativa pecuniaria di 10.000 euro, ai sensi della Legge n. 689 del 24 novembre
1981.
Come sanzione accessoria è prevista la confisca e la distruzione dell’apparecchio di gioco
irregolare.

Articolo precedenteMGM acquisirà LeoVegas la prossima settimana. Hagman (CEO): “Un nuovo capitolo, tra 10 anni saremo il più grande marchio di igaming al mondo”
Articolo successivoSvezia, via libera da Commissione Europea a proposta di regolamento che modifica l’ordinanza sui giochi