Malgrado l’esito deludente dell’iniziativa promossa già negli anni scorsi, la Regione Lombardia torna a proporre l’agevolazione IRAP per la dismissione delle slot machine

La misura, prevista dall’art. 4. comma 5 della l.r. n. 8 del 2013, interessa i gestori degli esercizi commerciali in cui sono installati apparecchi per il gioco d’azzardo lecito a vincita limitata ed ha lo scopo di prevenire e contrastare il fenomeno della ludopatia.

La misura, attiva per il periodo 2020-2022, consiste in una riduzione dello 0.92% dell’aliquota IRAP a partire dall’anno successivo in cui avviene la disinstallazione degli apparecchi.

Di contro, gli esercizi commerciali che non provvedono alla disinstallazione saranno assoggettati, nel triennio 2020-2022, ad un’aliquota IRAP maggiorata dello 0,92%.

Nell’ultimo anno solo due esercizi pubblici, in tutto il territorio regionale, hanno aderito all’iniziativa.

Articolo precedenteManovra, ACADI: “Giochi, tra priorità e urgenze il riordino distributivo dei prodotti”
Articolo successivoADM, Progetto “Metamorfosi”: concerto al Quirinale con gli strumenti ad arco realizzati con il legno delle barche dei migranti