I funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) di Oristano, in servizio presso l’Ufficio dei Monopoli per la Sardegna, in collaborazione con i militari della Compagnia dei Carabinieri di Cagliari e di Pula, hanno sequestrato in un circolo di Pula (CA) 6 apparecchi da intrattenimento della tipologia di cui all’art. 110 TULPS comma 6/a non collegati alla rete telematica ADM e privi dei titoli autorizzatori.

Gli apparecchi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo cautelare e gli operanti hanno provveduto alla contestazione delle violazioni dell’art. 110, comma 9, lett. f-quater TULPS (apparecchi destinati al gioco non rispondenti alle caratteristiche di cui ai commi 6 e 7 dell’art. 110 TULPS) e dell’art. 110, comma 9, lettera d) TULPS (apparecchi privi dei titoli autorizzatori), nonché all’erogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie per un importo pari a 66 mila euro. In caso di mancata oblazione, è inoltre prevista la chiusura dell’esercizio per un periodo da 30 a 60 giorni.

Infine, è stata riscontrata la mancata iscrizione del circolo all’elenco degli operatori di gioco RIES di cui all’articolo 1 comma 82 della legge n° 220/2010 e successive modifiche e integrazioni che comporta una sanzione per l’esercizio, per il gestore e per il concessionario di 10mila euro. L’intervento concordato con la Compagnia dei Carabinieri di Cagliari è il frutto di un’attività di intelligence e di presidio del territorio a tutela del gioco legale e responsabile.

Articolo precedenteTabaccai, FIT: “Servizi Puntolis, obblighi di trasparenza e privacy”
Articolo successivoLotteria degli scontrini, maxi premi da 150mila euro: due sono stati vinti in Emilia Romagna