In seguito alla domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Consiglio di Stato oggi si tenuta in Corte di Giustizia Europea la trattazione orale delle cause riunite avanzate da alcuni concessionari del gioco – contro Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Ministero dell’Economia e delle Finanze e Presidente del Consiglio dei Ministri – per capire se la tassa di 500 milioni sia compatibile con il diritto europeo (esercizio della libertà di stabilimento).

La trattazione è appena terminata, le conclusioni dell’avvocato generale sono attese per il 7 aprile 2022 e poi uscirà la sentenza.

Articolo precedenteDecreto Super Green Pass in Gazzetta Ufficiale: certificato verde rafforzato per sale giochi, scommesse, bingo e casinò in zona gialla e arancione
Articolo successivoIn sala slot con il green pass di un’altra persona: denunciato 20enne a Villorba (TV)