Ha installato due apparecchi elettronici destinati al gioco privi di autorizzazione. Per questo motivo mercoledì mattina il titolare di un bar di Settimo Torinese (TO) è stato sanzionato dagli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale per 22mila euro con il contestuale sequestro delle macchine da gioco.

I due apparecchi erano privi di ID risultavano off-line, ovvero non collegati alla rete telematica. Dalla verifica delle componenti interne è emerso che dal gioco a rulli erano stati rimossi lo strumento hopper e la gettoniera, pertanto il gioco si attivava solo con l’inserimento di banconote. Eventuali vincite, quindi, venivano corrisposte direttamente dal barista.

Articolo precedenteA Voghera (PV) uno sportello contro il gioco patologico. L’assessore Taverna: “Non abbassiamo la guardia”
Articolo successivoGiacobbe (avv.) a Wired: “Un impianto normativo ipertrofico ha paradossalmente favorito un florido mercato del gioco illegale”