“Dopo quasi 60 giorni, nonostante sia convinto che il dialogo che abbiamo intrapreso con ADM e le istituzioni sia la via maestra per risolvere il problema legato alla normativa inerente apparecchiature da gioco, videogiochi, esports, simulatori, console e biliardini vari, non posso far altro che essere dispiaciuto di aver ricevuto anche la seconda sazione (dopo la prima per le postazioni PC semplici di 6k) per 2 set di simulatori di guida, 10k cad gruppo (come quelli che normalmente vendiamo in negozio) e 10k cad per 2 PS4 con Fifa che usavamo in area Atalanta Esports pur sapendo che sarebbero arrivate, come gia’ discusso con ADM”. E’ quanto dichiara Alessio Cicolari (nella foto), proprietario dell’Esports Palace di Bergamo.

“Convinto che questo iter burocratico amministrativo sia quello che per legge queste cose debbano seguire, chiedo comunque uno sforzo alle istituzioni per non farci perdere ancora tempo, soldi e “voglia” di fare business nel fare ricorsi, tribunali ecc.. Comprendo che ADM non possa modificare le leggi e stia rispettando quello che ci siamo sempre detti – aggiunge l’imprenditore -, ora spero che tutti quelli che han promesso di normare e regolamentare ci diano una mano. Per i colleghi che nel mentre pensano di essere non toccati dalla cosa invito al buon senso. Settimana prossima dovremmo essere pronti con l’associazione di categoria. Speriamo cosi’ tutti assieme di far voce comune e sfangare questa situazione una volta per tutte. Scheduleremo un primo meeting con chi vorra’ partecipare per inziare le operazioni. Nel mentre con la nuova registrazione sotto lo spettacolo, consentita dalle ultime circolari ADM, riapriremo nel weekend anche se in forma ridotta”, conclude Cicolari.

Di seguito i documenti attestanti la nuova sanzione: