La Commissione Europea verificherà se la legge sul gioco d’azzardo del Piemonte approvata di recente andava notificata come regola tecnica, secondo quanto prevede in materia la normativa europea.

Secondo quanto Jamma è in grado di riferire è stata accettata dalle autorità comunitarie la denuncia che apre la procedura prevista.

A supportare l’intervendo una valutazione sulle regole tecniche e nello specifico il riferimento all’accertamento della maggiore età e la conseguente possibilità di utilizzo degli apparecchi attraverso il codice fiscale. Al momento infatti le Awp non prevedono nè l’utilizzo del codice fiscale e nemmeno di tessera sanitaria.

Su questi aspetti ha dedicato nei giorni scorsi una attenta disamina l’avvocato Luca Giacobbe, dello Studio Legale Giacobbe & Tariciotti.

Articolo precedenteRendiconto generale dello Stato 2020, Bergesio (Lega): “Pesca e ippica, assegante risorse per 886,9 milioni”
Articolo successivoSBC Digital Italy, Freni (Mef): “Riassetto omogeneo giochi nostra priorità. Legge delega entro ottobre/novembre 2021, con proroga stato di emergenza concessioni ok fino al 29 marzo 2022”