Emessa sentenza per l’imprenditore principale imputato dell’inchiesta della Dia di Catania denominata “Apate”, che lo scorso maggio ha stroncato gli affari finanziari illeciti legati al gambling online di un gruppo crimianale. L’uomo, conosciuto negli affari del gioco d’azzardo, delle slot e ultimamente delle scommesse online, è stato condannato a sei anni e sei mesi di reclusione. È la pena più severa inflitta nel processo abbreviato. Gli altri sette imputati sono stati condannati con pene che vanno dai 3 ai 2 anni. I reati ipotizzati a vario titolo “sono associazione per delinquere, attività abusiva di gioco e scommesse, truffa aggravata ai danni dello Stato ed intestazione fittizia di beni”. Lo riporta livesicilia.it.

Articolo precedenteGratta e Vinci regala 200mila euro a Fagnano Olona (VA)
Articolo successivoPortogallo: gioco online, il regolatore approva i crash games