I giochi a premio basati sull’abilità spariscono dalle sale giochi e le autorità olandesi ringraziano gli operatori per la sensibilità dimostrata nei confronti dei bambini.

Una delegazione della Gaming Authority olandese ha recentemente visitato diversi centri di divertimento del paese e non manca di notare che  l’impegno che l’associazione dei FEC olandesi aveva preso alla fine del 2020, ovvero di ridurre il numero degli apparecchi che non si basano sulla sola abilitàè stato effettivamente rispettato.

L’autorità per il gioco si era mostrata preoccupata per questo tipo di centri di intrattenimento, anche definiti da alcuni ‘casinò per bambini’. Il motivo era che una ricerca della Ksa aveva dimostrato che c’erano macchine nei centri che assomigliavano molto alleslot, per il tipo di funzionamento. L’unica differenza tra le macchine nelle sale slot machine e quelle nelle sale arcade era che a volte uscivano contanti dalle prime e gettoni o ricevute che potevano essere scambiate con buoni (più piccoli) e premi in natura nelle altre.

Nei centri di divertimento si tratta principalmente delle cosiddette macchine da fiera. Il Betting and Gaming Act fa un’eccezione per queste macchine. Il legislatore, che ha emanato questa norma nel 1964, ha previsto distributori automatici nelle fiere itineranti e nei parchi di divertimento e di villeggiatura. Il rischio di sviluppare dipendenza dal gioco in quei luoghi era considerato minimo, perché le persone vi si trovavano solo raramente e per poco tempo. L’eccezione significa che non è richiesta alcuna ammissione del modello (ispezione) o permesso di esercizio per le macchine da fiera. Lo svantaggio di ciò è che non è possibile un’adeguata supervisione.

La Ksa era particolarmente preoccupata per il fatto che sempre più sale giochi permanenti stavano spuntando nei centri cittadini. Laddove nelle sale giochi di slot machine si applica un’età minima di 18 anni per l’accesso (e talvolta 21 anni, a seconda degli apparecchi preseti), i minori possono entrare solo nei centri di divertimento. 

I colloqui tra Ksa e FEC Nederland alcuni anni fa hanno portato alla promessa che le macchine che non richiedono prevalentemente abilità sarebbero state rimosse in più fasi. Nel frattempo, i membri della FEC assicurano nelle loro sale giochi che le macchine con elementi di gioco non siano utilizzate dai minori. I membri di FEC Nederland sono soggetti a un audit annuale per verificare il rispetto degli accordi. I produttori sono incoraggiati a creare o convertire in giochi “basati sulle abilità”.

L’industria sta lavorando al turnaround. È stata presa la decisione consapevole di creare un vero e proprio ‘business case’ per intrattenere (tra le altre cose) i bambini con giochi di abilità. L’Autorità per il gioco si è detta  favorevole alla rimozione dalla legge del regime eccezionale per le macchine da fiera, come è stato detto al Ministro della protezione legale (politica del gioco d’azzardo). 

Articolo precedenteAppassionati di gaming in Italia: gli uomini giocano fino a 34 anni, le donne fino a 24. Più giocatori in Veneto, le regioni rosa sono Lazio e Sicilia
Articolo successivoADM. Nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne si è tenuto il seminario interno “Uscire dal silenzio”