Ieri personale della Squadra di Polizia Amministrativa della Divisione PAS della Questura di Catanzaro, ha deferito alla competente Autorità Giudiziaria un pregiudicato catanzarese per aver trasgredito agli obblighi di custodia su beni, oggetto di sequestro amministrativo, affidati allo stesso in giudiziale custodia.

Il reato è stato accertato in occasione di un’attività di verifica, svolta dai poliziotti congiuntamente a Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Sezione di Catanzaro, mirata ad effettuare accertamenti tecnici su alcuni congegni elettronici di intrattenimento, “slot machines”, già sequestrate amministrativamente dalla Divisione PAS in febbraio del 2017, ed affidati, in quella circostanza, in giudiziale custodia allo stesso uomo.

Nella verifica di ieri, gli operanti, giunti presso il luogo indicato per la custodia, constatavano che gli apparecchi si presentavano con i sigilli visibilmente manomessi. Per accertare l’eventuale utilizzo degli stessi anche in data successiva al sequestro, si procedeva, previa autorizzazione del P.M. di turno, all’apertura forzata delle slot machines. Si riscontrava che da tutti i congegni erano stati asportati i cosiddetti “Hopper”, che sono le cassette, collocate all’interno degli apparecchi, necessarie alla raccolta delle monete inserite dagli avventori per dare inizio all’attività di gioco.

Concluse le operazioni di verifica, si procedeva a sottoporre a sequestro penale i 3 apparecchi elettronici in questione e a deferire l’uomo, 34enne, alla competente Autorità Giudiziaria.

Articolo precedenteGioco online, aggiornata “black list” Monopoli: sono 9.166 i domini oscurati
Articolo successivoPiacenza: cliente senza green pass in esercizio pubblico con sala giochi, multa per lui e il titolare. Attività chiusa per 2 giorni