Durante una normale attività di controllo del territorio e di concorso nel mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, gli agenti della polizia locale della Federazione dei Comuni del Camposampierese, guidati dal comandante Antonio Paolocci, hanno sanzionato un pubblico esercizio per aver tenuto accesi gli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, o slot machine, fuori dagli orari consentiti. Lo riporta padovaoggi.it.

Teatro dell’accaduto Piombino Dese (PD): una pattuglia ha notato intorno alle ore 19 che all’interno di un pubblico esercizio gestito da un esercente di origine cinese gli apparecchi da intrattenimento erano accesi e in funzione, in violazione di quanto stabilito dalla Regione Veneto che non consente l’esercizio del gioco d’azzardo nei pubblici esercizi nelle fasce orarie “protette”, ovvero dalle 7 alle 9, dalle 13 alle 15 e dalle 18 alle 20. Nella sala slot riservata ai fumatori diversi clienti erano ancora presenti ed alcuni stavano giocando nonostante non fosse consentito come ricordato dall’orario che, tra l’altro, era ben esposto all’ingresso della sala. È scattata così la sanzione al titolare del pubblico esercizio, vale a dire 500 euro per ogni apparecchio rimasto acceso oltre l’orario consentito e trovato con i clienti intenti a giocare. Nella stessa serata è stata controllata anche un’altra sala slot di una frazione di Piombino Dese: in questo caso gli apparecchi erano tutti regolarmente spenti e non sono state riscontrate irregolarità.

«I controlli mirati sul rispetto delle fasce di interruzione del gioco – afferma il comandante Paolocci – sono ripresi in modo graduale alla fine della pandemia l’anno scorso con le riaperture dei locali pubblici e hanno dato già ottimi risultati. I controlli continueranno anche per quest’anno in modo da contrastare in maniera più efficace un fenomeno così grave e diffuso quale è quello della ludopatia».

Commenta la Presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese, Antonella Argenti: «La polizia locale, con operazioni come queste, svolge un ruolo fondamentale nella supervisione e nel contrasto alle trasgressioni in tema di gioco d’azzardo. È un impegno che va di pari passo con quello svolto da tutti i sindaci della Federazione rispetto alla prevenzione e al contrasto delle dipendenze ed in particolare contro la dilagante ludopatia.Grazie alla polizia locale per il suo importante contributo portato avanti con professionalità: questi risultati ci invitano a continuare senza remore su questo percorso».

Articolo precedenteTabaccai, FIT: “Borse di studio Ecomap, nuova modalità di partecipazione”
Articolo successivoSnaitech sottoscrive il contratto integrativo