Il Consiglio di Stato, con ordinanza del 22 luglio, ha disposto il rinvio a nuovo ruolo della causa che vede la società Global Starnet costituita in giudizio per la revocazione della sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato la decadenza dalla concessione di servizio pubblico per l’attivazione e conduzione operativa della rete telematica di gestione del gioco lecito mediante apparecchi da divertimento e intrattenimento.

I Giudici della Settima Sezione del Consiglio di Stato hanno ritenuto che la ricorrente ha formulato istanza di rinvio per consentire alla Custodia Giudiziaria, nel caso lo ritenga e su indicazione del GIP, di valutare se intervenire nel giudizio di revocazione, alla luce del fatto che il rinvio non pregiudica gli interessi dell’Agenzia delle Dogane attesa la definitività della sentenza oggetto di revocazione.

Nelle scorse settimane, con una nota, l’Agenzia delel Dogane e dei Monopoli aveva chiarito che la proroga delle concessioni per la conduzione della rete è prevista per tutte le concessionarie, ad esclusione di Global Starnet.

La società, in risposta, aveva chiarito che l’autorità giudiziaria (GIP presso il Tribunale di Roma) funzionalmente competente a sovrintendere sull’Amministrazione Giudiziaria della Stabile Organizzazione in Italia della Global Starnet Limited, con provvedimento del 17.06.2022, ha autorizzato gli Amministratori Giudiziari ad impugnare tale provvedimento ed ha confermato la prosecuzione delle attività aziendali della Stabile Organizzazione in Italia della Global Starnet Limited ai sensi dell’art. 41, c.1 quinquies D.Lvo 159/2011, autorizzando ogni azione legale a tutela degli interessi dell’azienda in sequestro nonché degli interessi dei terzi creditori privati e pubblici”.

Articolo precedenteIppica, Mipaaf modifica il calendario corse
Articolo successivoTrento, assestamento bilancio provinciale: FdI presenta 5 emendamenti per tutelare sale da gioco tramite proroga attuazione distanziometro