.Germania. Arriva il chiarimento del Ministero dell’Interno Renaria del Nord: l’autorizzazione già rilasciata alla sal giochi vale anche dopo un cambio di operatore

Il distanziometro introdotto dalla normativa della Regione non si applica alle sale autorizzate, anche nel caso di cambio del gestore. “La regolamentazione della distanza dalle scuole e dalle strutture per bambini e giovani non impedisce la concessione di un’autorizzazione anche in caso di cambio di operatore qualora ci sia un’autorizzazione per la sala giochi concessa prima del 1° dicembre 2012 .”  

Il Ministero dell’Interno ha chiesto ai comuni con un ulteriore decreto del 4 febbraio 2022 di attuare una modificata interpretazione della norma. E’ importante solo che la sala giochi sia stata autorizzata al momento dell’entrata in vigore della legge (1 dicembre 2012), anche in caso di successivo cambio di operatore si può presumere l’applicabilità del vecchio privilegio.

 

Articolo precedenteSlot. Tribunale di Roma: no alla sospensione di tassa da 500mln in attesa della pronuncia della Corte Europea
Articolo successivoDecreto Sostegni ter, Prampolini (Confcommercio): “Servono più risorse, nuove moratorie fiscali e creditizie e fare di più su caro energia”