L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, come anticipato su questo sito, pubblica la determinazione direttoriale che chiarisce i dettagli circa l’elenco degli apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro che non necessitano di omologa e verifica di conformità.

“Si comunica che, in attuazione dell’articolo 18-ter, comma 2 del decreto legge 30 aprile 2022, n. 36 convertito dalla legge 29 giugno 2022, n. 79, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha approvato in data odierna, con determinazione del Direttore Generale n. 314538, l’elenco annuale degli apparecchi non soggetti alle disposizioni di cui all’articolo 38, commi 3 e 4 della legge 23 dicembre 2000, n. 388”, si legge in un avviso dell’Adm.

“A seguito di tale determinazione, gli apparecchi contenuti in tale elenco non necessitano della verifica di conformità, né del rilascio dei titoli autorizzatori ai produttori e importatori, nonché ai gestori ma continuano ad essere soggetti al pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti, come previsto dall’articolo 14-bis del DPR n. 640 del 1972. Rientrano nell’elenco, apparecchi come i biliardini, i flipper, i tavoli da ping pong, i dondolanti per bambini, i juke box.

L’elenco completo – prosegue l’avviso – è pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. L’installazione di tali apparecchi è consentita in tutti gli esercizi pubblici previsti dalla normativa (bar, stabilimenti balneari, ristoranti, alberghi, sale giochi e qualsiasi altro esercizio commerciale aperto al pubblico in possesso dell’autorizzazione di cui all’articolo 86 del T.U.L.P.S.). Esulano dalla presente regolamentazione, pertanto, tutti gli apparecchi installati in luoghi privati. La determinazione è immediatamente vigente e, quindi, da oggi, per gli apparecchi inseriti nell’elenco non sono rilasciati ulteriori nulla osta di distribuzione e di esercizio e quelli già rilasciati perdono di efficacia. Le autodichiarazioni già effettuate per il rilascio dei nulla osta di esercizio saranno considerate valide ai fini del pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti”, conclude l’Adm.

Di seguito tutti gli apparecchi ‘esentati’:

CATEGORIA A

APPARECCHI DI CUI ALL’ ARTICOLO 110, COMMA 7, LETTERE C- BIS) (CHE NON DISTRIBUISCONO TAGLIANDI) E C – TER), BASATI SULLA SOLA ABILITÀ , FISICA, MENTALE O STRATEGICA

Biliardino, calciobalilla, air hockey e similari
Flipper
Biliardo, carambola e similari
Freccette
Basket
Tavolo da ping pong
Calciometro, pugnometro, apparecchio a forza muscolare e similari
Hammer e similari
Cannoncino o trenino a forza muscolare
Minicalciobalilla e similari
Microguide meccaniche (1)
Flipperini meccanici (2)
Apparecchi minibowling e similari
Apparecchi minigolf e similari

CATEGORIA B

APPARECCHI DI CUI ALL’ ARTICOLO 110, COMMA 7, LETTERE C- BIS) (CHE NON DISTRIBUISCONO TAGLIANDI) E C – TER), CHE RIPRODUCONO ESCLUSIVAMENTE AUDIO E /O VIDEO

Jukebox e similari
Video jukebox e similari
Apparecchi cinemavisioni senza interazione

CATEGORIA C

APPARECCHI DI CUI ALL’ ARTICOLO 110, COMMA 7, LETTERE C- BIS) (CHE NON DISTRIBUISCONO TAGLIANDI) E C – TER) CHE SONO PRIVI DI INTERAZIONE CON IL GIOCATORE

Dondolanti per bambini
Kiddie rides anche con display
Giostrine fino a 3 posti
Baby karts senza operatore
Astrologia o oroscopo

Di seguito la determinazione direttoriale dell’ADM:

Articolo precedentePiemonte, Sarno (PD): “A Torino richieste 230 autorizzazioni per riaccendere le slot”. L’assessore Icardi: “A ottobre avvio campagna contro il GAP”
Articolo successivo“Giocare da grandi”, Cairoli (IGT): “Da sempre in prima linea nel perseguire una crescita sostenibile del comparto”