ADM su apparecchi da intrattenimento e certificazioni: “Tutte le attività con art. 86 Tulps devono conformarsi a nuova regolamentazione”

Negli oratori si possono detenere apparecchi meccanici senza autocertificazione. Sempre negli oratori, circoli o caserme detti apparecchi meccanici non autocertificati devono essere ad uso gratuito o possono essere usati con introduzione di moneta o gettoni? Calciobalilla e o bigliardi funzionano a moneta per allenamento di tornei sportivi e sono esentati del pagamento dell’ISI (Imposta sui trattenimenti). I medesimi sono anche esentati dalla autocertificazione. Si posso tenere negli oratori, circoli o caserme videogiochi o flipper funzionanti gratuitamente o in free play. Si possono tenere videogiochi o flipper funzionanti gratuitamente o in free play in locali pubblici, gallerie di centri commerciali, aree di aeroporti o altre attività come la gestione di spazi?

Testo risposta:

L’inquadramento degli apparecchi (ex) meccanici ed elettromeccanici all’interno dell’articolo 110, comma 7 del TULPS comporta l’applicazione della legge n. 388/2000 e quindi obbligo di certificazione, di possesso dei titoli autorizzatori e di conseguenza della licenza ex art. 86 del TULPS. L’associazione o il circolo che abbia un titolo giuridico ai sensi dell’articolo 86 del TULPS, deve conformarsi alla nuova regolamentazione. Gli apparecchi di cui all’articolo 110 comma 7 del TULPS non possono, pertanto, essere installati in luoghi aperti al pubblico di qualunque natura, anche previo tesseramento personale, non soggetti alle regole del citato articolo 86 del TULPS.

Diverso aspetto è l’estensione di questa regolamentazione a quelle associazioni non riconosciute senza scopo di lucro e prive della comunicazione ex articolo 86 del TULPS, in quanto strettamente legata alla risoluzione di principi generali di competenza esclusiva dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Poiché questi articoli disciplinano materie di ordine e sicurezza pubblica, qualunque diversa valutazione sulla possibilità di installare apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro in luoghi non dotati delle comunicazioni, autorizzazioni, licenze, concessioni, permessi o nulla osta comunque denominati previsti ex articolo 86 del TULPS, rientra nella piena competenza dell’Autorità di Pubblica Sicurezza che esercita il proprio controllo anche in luoghi non accessibili agli ispettori dell’Amministrazione finanziaria”.

Articolo precedenteFriuli, in Gazzetta Ufficiale la “Legge di stabilità 2022”: previste anticipazioni finanziarie per garantire continuità prestazioni di prevenzione e cura del gioco d’azzardo patologico
Articolo successivoAumento della partecipazione femminile nei casinò online: le donne amano giocare in privato?