Il presidente di GLMS (Global Lottery Monitoring System) , Ludovico Calvi, ha partecipato kermesse “Betting on Football”, che si è tenuta dal 20 al 22 marzo 2018 a Londra, nel Regno Unito. Calvi ha partecipato a due panel di alto livello, unendo esperti di scommesse di livello mondiale per discutere le opportunità e i rischi che le scommesse sportive possono rappresentare.

Come parte del panel “Come le scommesse sportive si adattano al tradizionale portafoglio delle Lotterie”, Calvi ha evidenziato che le scommesse sportive costituiscono un enorme veicolo per l’innovazione e quindi un’opportunità unica per l’acquisizione di clienti, in particolare per giovani e millenial che non sarebbero altrimenti attratti dai tradizionali prodotti della lotteria. Ha sottolineato che le lotterie sono nella posizione migliore per trovare un perfetto equilibrio tra le esigenze del mercato e la responsabilità sociale attenendosi al loro impegno nei confronti della società e del pubblico in generale, che potrebbero differenziarle dagli altri operatori . Le scommesse sportive hanno un livello molto basso di vulnerabilità quando si tratta di atteggiamenti compulsivi poiché è guidato dalla passione per lo sport. Ha concluso che le lotterie e lo sport hanno, in realtà, valori comuni rilevanti come responsabilità, integrità, trasparenza, affidabilità e fair play.

Giovedì 21 marzo, Ludovico ha preso parte al panel “Integrity – Too many cooks”, in cui, dopo aver informato degli ultimi risultati di GLMS, ha sottolineato il suo valore come un’alleanza globale di operatori di lotterie per supportare gli stakeholder pubblici nel processo di legalizzazione delle scommesse sportive in modo sostenibile. GLMS, infatti, supporta ambienti di mercato delle scommesse regolamentati, responsabili e sostenibili in quanto i divieti hanno spesso favorito la proliferazione del mercato nero, delle organizzazioni criminali e delle partite truccate. Ludovico ha evidenziato che il GLMS ha registrato 681 segnalazioni nel 2018, 81 delle quali sono state segnalate ai partner e alle parti interessate, incluse le organizzazioni sportive, le forze dell’ordine e le autorità di regolamentazione. Ha sottolineato che la responsabilità collettiva e le azioni collettive tra le parti interessate di diversi settori è della massima importanza per una lotta efficace contro le manipolazioni della competizione sportiva e ha ricordato che GLMS è anche molto attivo nelle attività di educazione e prevenzione per creare una cultura di integrità e responsabilità sociale. Infine, ancora una volta ha ricordato l’importanza della rapida entrata in vigore della Convenzione del Consiglio d’Europa sulle manipolazioni della competizione sportive.

Commenta su Facebook