esports
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Il 2018 è stato un anno pieno di eventi e contenuti. In Italia c’è un grande futuro, stiamo facendo un progetto scalabile, prima la finale con 600 spettatori il 31 marzo, il summer split vedrà ora protagonista Roma dove avremo la possibilità di avere 1200 spettatori. L’Italia c’è, Roma c’è, il centro Italia c’è. Sono anni che si aspetta un evento di questo tipo”.

E’ quanto dichiarato da Luigi Pellegrino (eSports Business Manager di PG Esports) presso l’Aula Magna LUISS di Roma nell’ambito del workshop “Sport Business & Economia dello Sport”.

“In questo momento lavoriamo principalmente su un titolo, lavoriamo su tanti livelli, fino ad avere un campionato che dura 6 mesi, con tante sfide da parte dei team tutti i giorni, le finali sono eventi da 6/7 ore con appuntamenti strutturati. L’elemento di criticità italiano ad oggi è stata la continuità e la qualità nella produzione di contenuti di eventi. La cosa su cui si lavora tantissimo è la community, tramite i canali Twitch, che è il canale principale, per questo Amazon l’ha acquistato. Noi crediamo nella continuità, nella forza del contenuto, nella bravura dei gesti atletici e nei giocatori italiani che sono fondamentali, abbiamo due dei giocatori più forti di League of Legends e Fifa e questo trascina tutto il sistema italiano. Ora serve che si strutturi qualcosa anche qui in Italia. Un campionato che dia esposizione live e seguito internazionale. Le aziende italiane stanno percependo che è arrivato il momento di fare investimenti importanti. Il messagio che mando è di investire in questo settore perchè è il futuro per le aziende italiane.

Nel Nord America il mercato degli eSports vale 240 milioni di dollari l’anno, in Europa 210, in Asia 178 e nel resto del mondo 32.2 milioni. Il 2017 si è chiuso a 660 milioni, il 2018 si chiuderà a 922 milioni per arrivare al 2020 a 1.5 miliardi. Lo scorso anno del giro d’affari globale la quota più significativa è arrivata dalle sponsorship con 245 milioni di dollari poi dall’advertising con 145 milioni. L’audience mondiale stimata al 2020 sarà di oltre 300 milioni di spettatori. In Italia puntiamo ai 24.5 milioni di videogamers su una popolazione online di 43 milioni di persone. L’audience degli esports è di 8.1 milioni di giocatori con ulteriori 4.5 milioni di viewers occasionali”.

Commenta su Facebook