svizzera
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – I casinò svizzeri non dovrebbero avere il monopolio del gioco d’azzardo su internet. I contrari alla legge sui giochi in denaro (LGD) hanno lanciato oggi la loro campagna in vista della votazione popolare federale del prossimo 10 giugno.

All’origine di questa campagna, i giovani del Plr, del Pvl e dell’Udc che si sono uniti nella battaglia. Oltre ai giovani verdi già pronti a combattere per la causa, ora anche i giovani socialisti e il Plr sostengono il rifiuto della legge. L’Svp dal canto suo ha deciso di lasciare la libertà di voto.

Secondo l’alleanza dell’opposizione, la nuova legge è pericolosa perchè renderà accettabile l’isolamento digitale. Le start-up saranno scoraggiate e la competitività ne risentirà pesantemente. “La Svizzera ha bisogno di regole intelligenti e liberiste” dicono. C’è il rischio che non ci sia nessuna protezione per i giocatori, il blocco dei fornitori di giochi stranieri su internet può essere infatti facilmente aggirato e privare i giocatori online di qualsiasi protezione. Secondo gli oppositori il rifiuto della legge non metterà in pericolo le entrate fiscali dei giochi per lo sport e la cultura. Lo status quo sarebbe garantito.

Il Parlamento nella nuova LGD ha trascurato la tutela dei giocatori. Questo, aggiungono, non è un motivo per garantire un monopolio dei casinò su internet e limitare la libertà di ognuno.

Il testo in votazione prevede un blocco generalizzato degli accessi a pagine straniere di giochi online in denaro per meglio proteggere gli utenti e favorire i gestori di strutture legali basate in Svizzera. La normativa permette inoltre ai casinò svizzeri di proporre giochi anche sul web.

Commenta su Facebook