Il 14 ottobre davanti ai giudici di appello della Corte dei Conti si terrà il processo di secondo grado sul presunto danno erariale da 140 milioni di euro per i fondi erogati al Casinò di Saint-Vincent tra il 2012 e il 2015.

Secondo quanto riporta aostaoggi.it il danno erariale è contestato a 1 dirigente della Regione e 20 consiglieri ed ex consiglieri regionali che votarono o decisero la ricapitalizzazione da 60 milioni di Euro nell’ottobre 2014 e altri prestiti per 80 milioni nel corso degli anni. Prestiti che, secondo la procura contabile, era evidente che la casa da gioco non sarebbe riuscita a restituire alla Regione a causa delle sue instabili condizioni finanziarie.