casinò
Print Friendly, PDF & Email

CASINO’ – Si va verso lo slittamento dell’approvazione del bilancio di esercizio 2017 della Casinò de la Vallée spa, chiuso con una perdita di 21,5 milioni di euro.

Secondo quanto appreso dall’ANSA, alla seconda e quarta commissione è stato riferito che l’assemblea dei soci convocata per venerdì 14 settembre sarà aperta ma non verrà chiusa in attesa della presentazione da parte dei vertici dell’azienda della revisione del piano di ristrutturazione. La riunione sarà quindi aggiornata ad un’altra data nella quale si provvederà – sulla base del nuovo progetto di rilancio – ad approvare il bilancio.

La seconda commissione ‘Affari generali’ e la quarta commissione ‘Sviluppo economico’ hanno votato ‘no’ all’unanimita’ alla richiesta del presidente della Regione, Nicoletta Spelgatti, e dell’assessore al Bilancio, Stefano Aggravi, di secretare la discussione della riunione congiunta in corso sulla crisi del Casino’ di Saint-Vincent. Per consentire ai commissari un confronto con presidente e assessore, sono usciti dall’aula gli altri consiglieri intenzionati a partecipare alla riunione.

La richiesta – riferisce l’ANSA – era stata avanzata in base all’articolo 31, comma 6, del regolamento del Consiglio Valle: “Ciascuna Commissione può decidere che per determinate notizie, documenti o discussioni i suoi componenti siano vincolati al segreto; in questo caso, possono partecipare alle sedute soltanto i Consiglieri che facciano parte della Commissione, il Presidente del Consiglio, il Presidente della Regione e gli Assessori. Il verbale di tali riunioni è secretato”. “Credo che l’assessore abbia volutamente difeso la delicatezza del momento”, ha spiegato Roberto Cognetta al termine della riunione delle due commissioni, durata poco meno di due ore. La richiesta di secretazione, ha aggiunto, “non è stata accettata dai commissari. D’altro canto è un momento delicato, quindi io credo che non bisogna scherzare su certe cose, perché ci sono tante famiglie e tante questioni. Io credo che abbia fatto bene a chiederla e se ha raggiunto lo scopo, cioè quello di evitare rumors o boatos inutili, è stato raggiunto comunque”.

“Credo che ci sia l’esigenza di aggiornare il piano esistente, il piano che è stato intrapreso. Perché la terapia di somministrazione è stata pluriennale, e quindi occorre fare una valutazione degli effetti che ci sono stati sul paziente che è stato sottoposto a questa a partire dall’anno scorso”. Arrivando così a capire “quanto ci si discosta dalle previsioni”. Lo ha detto Pierluigi Marquis (Stella alpina) al termine della riunione congiunta sulla crisi del Casinò di Saint-Vincent della seconda commissione ‘Affari generali’ e della quarta commissione ‘Sviluppo economico’i.

“Ormai siamo in una situazione tale per cui non è più una scelta politica, sta diventando solo una scelta tecnica. La faranno i tecnici, i membri del collegio sindacale, l’amministratore e così via. Chiedetelo all’amministratore come salvare l’azienda”. Lo ha detto ai giornalisti il consigliere regionale Roberto Cognetta (Mouv’), al termine della riunione congiunta sulla crisi del Casinò di Saint-Vincent della seconda commissione ‘Affari generali’ e della quarta commissione ‘Sviluppo economico’.

Commenta su Facebook