campione
dav
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – C’è un legame naturale tra il paese che diede i natali all’autore di “Il giocatore”, Fëdor Dostoevskij, e Campione d’Italia, forte della sua casa da gioco, la più grande d’Europa.

Il fascino esercitato dal Casinò Campione d’Italia, capace di coniugare emozione, divertimento, cultura e bellezza, è infatti particolarmente avvertito dai giocatori russi, specie se residenti in Svizzera e nell’Italia settentrionale, che infatti usano trascorrere intere serate in riva al Ceresio, godendo di una particolare attenzione sul piano della lingua e con tavoli – il poker russo – a loro esclusiva disposizione. Non per caso, dunque, da alcuni anni al Casinò Campione d’Italia a metà gennaio si festeggia il capodanno ortodosso, apprezzato segno di rispetto della tradizione e opportunità straordinaria di rivivere una particolare atmosfera.

Insomma c’è una profonda sintonia tra Campione d’Italia e la Russia, ribadita in questi giorni dal servizio che la rivista “Ozero Komo”, diffusa in Italia e Svizzera, oltre che in Russia, ha scelto per presentare un servizio di alta moda nelle esclusive sale della casa da gioco dell’exclave italiana in Svizzera. Per un giorno alcune bellissime modelle russe sono state ospiti del Casinò, posando ai tavoli verdi e tra le slot machine.

“Ozero Komo” si traduce “Lago di Como”, luogo “conosciuto e amato dai nostri lettori – spiega Tatiana Rykoun, direttrice ed editrice della rivista – poiché ci rivolgiamo sia alla comunità russa che vive nell’area dei laghi sia ai connazionali che ci seguono tramite il nostro sito Internet: li guidiamo alla scoperta di un territorio che sempre più spesso desiderano visitare e Campione d’Italia è giustamente inclusa nel novero dei luoghi che meritano una sosta tanto più che l’animo russo apprezza da sempre il gioco e qui trova anche l’eleganza di tono cui aspira”.

Allora arrivederci, anzi, “do svidaniya” a Campione d’Italia dove il Casinò funziona a pieno regime, aperto e accogliente come può esserlo soltanto una casa da gioco che vanta più di ottant’anni di indelebile tradizione, ovvero di professionalità e cortesia, raffinatezza e discrezione, e presenta un’offerta – dai giochi più classici alle slot di sempre nuova generazione, dall’alta cucina a cura dello chef executive Lorenzo Staltari, una garanzia per i buongustai, allo spettacolo di livello internazionale. Questo ogni giorno, ogni sera, con la certezza di trovare in sala la giusta emozione (“La fortuna – si sa – bacia a Campione”), al ristorante la più genuina qualità e nell’insieme il migliore intrattenimento per il tempo libero in un panorama carico di suggestività.

Commenta su Facebook