Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa Sezione Autonoma di Bolzano ha accolto – tramite ordinanza – il ricorso presentato contro il Comune di Marlengo (BZ) e la Provincia Autonoma di Bolzano, in cui si chiedeva l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, 1) dell’atto definitivo notificato dal Comune di Marlengo in data 29.10.2021 avente ad oggetto “Rigetto dell’istanza ex Art. 88 del TULPS – Marlengo, (…) relativa all’ottenimento dell’autorizzazione per l’esercizio di scommesse di cui al Decreto dell’Amministrazione autonoma Monopoli di Stato dd. 22 aprile 2010 (apparecchi VLT – videoterminali)”; di ogni altro atto relativo, presupposto e conseguente, individuato ed individuabile, ivi inclusa la Deliberazione della Giunta Provinciale n. 505/2018 che, quando entrata in vigore in data 20/5/2018, ha aggiunto nuove tipologie di luoghi sensibili che quindi sono andati a sommarsi alle tipologie di luoghi sensibili previsti dalla Normativa Provinciale dal 2016.

Si legge: “Considerato che, a un primo sommario esame, non può escludersi la fondatezza del ricorso e che il pregiudizio lamentato sussiste, tenuto conto che, nella sostanza, il provvedimento impugnato consiste in una pronuncia di decadenza dell’autorizzazione adottata in violazione del regime di proroga automatica introdotto dall’art. 103, comma 2, del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27 (ritenuto dalla giurisprudenza applicabile anche alla materia dei giochi e delle scommesse – cfr. Consiglio di Stato, ordinanze nn. 4760 e 4761 del 10 settembre 2021); invero, la licenza di cui è titolare la ricorrente reca formalmente la scadenza del 14 settembre 2021 (cfr. doc. 3 della ricorrente), ricadente nell’arco temporale previsto dalla suddetta norma (i.e. 31 gennaio 2021 – 31 dicembre 2021);

P.Q.M.

Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa – Sezione autonoma di Bolzano, accoglie l’istanza cautelare e per l’effetto:

a) sospende l’efficacia dell’impugnato provvedimento del Sindaco di Marlengo del 27 ottobre 2021;

b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 20 luglio 2022, ore 9.30.

Compensa le spese della presente fase cautelare”.