esports
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Negli ultimi tempi il mondo del calcio, ma non solo, ha dimostrato grande interesse per i videogiochi competitivi.Sono infatti molte le squadre, italiane e non, che hanno scelto di avere un proprio team nelle maggiori competizioni di esport, sponsorizzando i giovani talenti in cambio di una buona dose di pubblicità.
Non sempre però l’opinione della comunità sportiva è unanime nel tessere le lodi di questa attività, non sono poche le voci autorevoli che si dichiarano apertamente contrarie a questo fenomeno culturale, a volte tanto particolare quanto alieno, e arriva dalla Germania, proprio una delle nazioni dove gli esports stanno avendo maggiore successo.

L’ultimo no dalla Germania, in merito al dialogo esport e Olimpiadi, è arrivato da Reinhard Grindel. In un’intervista il Presidente della Federcalcio ha dichiarato: E’ assurdo e sbagliato che gli esport possano avvicinarsi allo status di gioco olimpico o potersi definite sport. I ragazzi che si avvicinano ai club tedeschi non lo fanno più per il calcio o per la pallamano, ma con un controller in mano. Questo per noi è inaccettabile. Sport significa socializzazione e appartenenza alla comunità.Esports ist für mich kein sport (per me l’esport non è uno sport).

Commenta su Facebook