Le piattaforme per il gaming non possono essere omologate e quindi le attività di gioco vanno bloccate, a patto di non voler rischiare sanzioni pesantissime.

I titolari della Lan di Bergamo sottoposta a sequestro spiegano, con dovizia di particolari, l’accaduto.