I funzionari ADM dell’ Ufficio dei Monopoli per il Friuli Venezia Giulia, nell’ambito dei controlli volti a contrastare le attività di gioco illegale, hanno accertato l’evasione dell’Imposta Unica da parte di un’associazione sportiva dilettantistica che anziché promuovere attività sportive, offriva la possibilità di giocare illegalmente alle slot machine, attraverso l’utilizzo di 5 apparecchiature elettroniche definite “totem”, ovvero personal computer, collegati via Internet su piattaforme estere al di fuori della rete statale di gioco legale.

All’associazione è stato notificato un avviso di accertamento pari a circa 450.000 euro per evasione della Imposta Unica, ai quali vanno aggiunti oltre 530.000 euro per sanzioni e gli interessi di legge, per un totale complessivo superiore ad un milione di euro. I risultati dell’attività di verifica sono stati segnalati all’Ufficio delle Entrate competente, in quanto l’ammontare delle giocate effettuate illegalmente, così come ricostruite dall’Ufficio, pari ad oltre 7.370.000 euro costituisce base imponibile da sottoporre a tassazione ai fini delle Imposte Dirette.