Il Tar Emilia Romagna ha accolto – tramite decreto – il ricorso presentato contro il Comune di Bologna in cui si chiedeva l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, dell’atto del Comune di avvio del procedimento di chiusura di un’attività sala giochi/sala scommesse ubicata a Bologna; dell’atto del Comune relativo a “Ordinanza di chiusura della Sala (VLT) che ospita apparecchi da gioco ubicata in Via (…)”.

Advertisement

Per il Tar: “Rilevato che si ravvisa in capo alla parte ricorrente una situazione di danno avente le caratteristiche della estrema gravità ed urgenza tale da far meritare l’adozione della misura cautelare provvisoria sino alla camera di consiglio utile.

P.Q.M.

Accoglie l’istanza di misure cautelari monocratiche avanzata dalla parte ricorrente, con sospensione dell’efficacia degli atti impugnati nelle more della trattazione della domanda cautelare da parte del collegio.

Fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 15 luglio 2020”.