E’ attesa per queste ore una circolare dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che intervenga in merito al calcolo del prelievo erariale forfetario su le migliaia di slot bloccate dopo le disposizioni in materia di contenimento dell’epidemia da coronavirus.

Il 12 marzo scorso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha emanato una circolare con una serie di indicazioni in merito alla sospensione del calcolo del prelievo forfetario alla luce di quanto previsto dal DPCM del 9 marzo scorso . Era stata disposta la sospensione della base imponibile fino al 3 aprile compreso.

Advertisement

Con l’estensione del blocco delle attività, tra cui bar e esercizi commerciali nei quali sono installate le slot, fino al 13 aprile, si rende necessario un nuovo chiarimento.

La nuova circolare, secondo quanto Jamma.it può anticipare, dovrebbe fornire indicazioni per la messa ‘in blocco’ da parte dei concessionari della rete di connessione con conseguente blocco anche della maturazione del PREU.

Gli apparecchi oggetto della disposizione sono quelli a vincita limitata.

Secondo le ultime rilevazioni dell’ADM gli apparecchi del AWP sul territorio sono circa 263.300, distribuiti su circa 62.894 esercizi pubblici dell’intero territorio.

Il blocco della raccolta attraverso gli apparecchi a vincita, comprese le videolotterie, disposto come misura di contrasto alla diffusione dell’epidemia, si stima abbia determinato, in considerazione delle imposte versate nello stesso mese di marzo degli anni precedenti, un mancato incasso per l’erario di circa 500 milioni di euro.