Tutto in stand-by fino al 4 dicembre prossimo. E’ questa la data in cui il Tar del Lazio si pronuncerà sul ricorso presentato dalla maggioranza dei concessionari di rete contro il decreto che istituisce il monitoraggio degli apparecchi Vlt. Nell’udienza di questa mattina i giudici hanno infatti deciso di rinviare la discussione dei ricorsi nel merito.

Il decreto dei Monopoli in questione è quello che lancia l’applicazione – creata per gli Enti locali – per verificare se le macchine stiano rispettando le fasce orarie imposte dai vari Comuni. Il decreto prevede l’obbligo per le società concessionarie di bloccare il funzionamento delle macchine in base alle limitazioni orarie previste da regolamenti o ordinanze dei singoli comuni a partire dal 1 luglio prossimo.

Non è comunque escluso che nel frattempo la situazione si risolva da sè, non essendo l’iter amministrativo della legge ancora completato. Manca ancora da parte di Adm l’emanazione di un successivo decreto rispetto a quello attualmente impugnato. Mancando la regola tecnica concreta, che sarà contenuta nel prossimo provvedimento, il danno ravvisato dai concessionari è da ritenere soltanto potenziale, poiché dovuto a una interpretazione del primo decreto dello scorso 22 febbraio. Questa potrebbe essere smentita e quindi corretta dal prossimo decreto attuativo, di cui non si conosce ancora l’effettiva data di pubblicazione.