Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Un documento di 34 pagine con tanto di formule matematiche. Così il Ministero delle Finanze Ceco ha presentato le nuove linee guida sui limiti alla perdita media oraria per il gioco d’azzardo , terrestre e online.
A partire da questa settimana tutti gli operatori dovranno adeguare i loro sistemi di gioco, che siano fisici o online, in modo tale da attenersi al nuovo requisito imposto dal governo in materia di regolamento dei giochi .

La disposizione impone agli operatori di bloccare il gioco quando l’utente supera i limiti.
Nelle linee guida pubblicate dal Ministero delle Finanze viene indicata una formula matematica che il Ministero ha suggerito come strumento per calcolare le perdite orarie massime accettabili per i giocatori, basate su fattori come la dimensione della scommessa, il numero di volte in cui le scommesse sono state piazzate in un’ora e la media dei pagamenti.

Il requisito si aggiunge ad una serie di norme in materia di tutela dei consumatori e di norme sul gioco responsabile già sancite dalla legge sul gioco entrata in vigore quest’anno.
La misure è stata accolta dall’industria di settore con una certa perplessità. Gli operatori del mercato dell’online non nascondo la difficoltà di garantire una redditività alle aziende con una tassazione che va dal 23 al 35%.

Numerose società internazionali si sono ritirate già dal mercato, adducendo come causa le pesanti imposizioni, le misure insufficienti contro operatori non autorizzati, la burocrazia debole e un processo di registrazione dei giocatori complicato che richiede ai giocatori di recarsi in centri di amministrazione pubblica per identificarsi e registrarsi fisicamente.
All’inizio di quest’anno il Ministero delle Finanze quantificava in almeno 10 operatori stranieri stanno richiedendo una licenza per operare sul territorio nazionale. Un portavoce dello stesso Ministero fa già fatto appello affinché gli operatori abbiano pazienza e ha ricordato loro che la legge sul gioco d’azzardo è soggetta a revisione .
Resta ora da vedere come gli stessi operatori prenderanno queste nuove misure.

Commenta su Facebook