È online l’avviso pubblico rivolto alle startup innovative del settore videogame. Tramite questa iniziativa, Istituto Luce CinecittàRegione Lazio e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo sostengono l’avviamento e lo sviluppo di 10 startup innovative, di cui 2 ancora da costituire al momento della Domanda (startup innovative costituende).

Ad ogni startup innovativa può essere agevolato un unico Progetto riguardante lo sviluppo di un videogioco di intrattenimento da distribuire sul mercato internazionale. Al momento della Domanda il videogioco deve essere disponibile almeno in una versione giocabile (prototipo) e il suo sviluppo, secondo quanto presentato nel progetto, dovrà concludersi al più tardi entro 12 mesi dalla concessione dell’agevolazione.

L’agevolazione consiste in un contributo sui costi del Progetto (pari complessivamente a 60.000 euro per ogni startup innovativa beneficiaria) e nella partecipazione a un programma di accelerazione della durata di circa tre mesi, nell’ambito del nuovo acceleratore diffuso dedicato all’industria del videogame “Cinecittà Game Hub”. Istituto Luce Cinecittà coordinerà l’acceleratore avvalendosi del supporto di IIDEA (Italian Interactive Digital Entertainment Association), l’associazione di categoria italiana per il settore videoludico. A termine del programma, con il supporto organizzativo del MiBACT, seguirà un demo day, vale a dire una presentazione strutturata dei progetti ad un pubblico di publisher e investitori.

Una iniziativa importante soprattutto in questo momento di grave difficoltà per moltissime imprese laziali. Al contrario la Regione prevede di imporre la chiusura di imprese di gioco legale che non rispettano le distanze minime dai luoghi sensibili allo scadere della moratoria prevista dalla normativa regionale. Ah, giusto, questo non è intrattenimento, ma solo gioco.