I funzionari ADM di Palermo hanno effettuato, con la collaborazione dei militari dell’Arma dei Carabinieri, una verifica di natura fiscale presso un centro scommesse risultato privo delle autorizzazioni necessarie per esercitare le attività di gioco.

La gestione della sala è risultata totalmente abusiva poiché, a seguito dell’avvenuta rilevazione dell’azienda dal precedente titolare, il nuovo acquirente non aveva richiesto, ad ADM e alla Questura, le nuove autorizzazioni necessarie per l’esercizio delle attività di scommesse.

Nel corso della verifica, constatata la presenza di 3 slot machine installate e funzionanti, è emerso che un noto Concessionario di giochi con vincita in denaro avrebbe consentito l’esercizio delle scommesse al nuovo titolare, senza procedere alla sospensione della precedente linea telematica nell’attesa del rilascio delle prescritte autorizzazioni al nuovo gestore.

Applicate sanzioni amministrative per 55.000 euro al gestore e per 45.000 euro al proprietario degli apparecchi da intrattenimento e al Concessionario.