Associazione Astro gioco
Print Friendly, PDF & Email

Il prossimo 28 settembre, una delegazione dell’Associazione As.Tro sarà ricevuta dai rappresentanti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: la convocazione da parte di Adm, chiesta con urgenza da As.Tro durante l’incontro dello scorso 17 settembre, pone al centro della discussione le questioni più rilevanti per il settore degli apparecchi da intrattenimento che, oggi, si trova ad operare in un contesto estremamente delicato.

“In particolare, la nuova configurazione del mercato, dopo il processo di riduzione degli apparecchi awp e la previsione di un tetto massimo di NOE, evidenzia notevoli criticità nella regolamentazione delle dismissioni di apparecchi e del rilascio di nuovi nulla osta di esercizio.

Il contesto è ulteriormente aggravato, poi, a causa di alcuni comportamenti anomali da parte dei Concessionari di Stato che, attraverso comunicazioni di modifiche unilaterali dei contratti in essere, stanno comprimendo il diritto di fare impresa in capo agli imprenditori/gestori, mettendo a rischio, non solo l’equilibrio, ma anche la tenuta dell’intero sistema.

L’Amministrazione, che ha compreso la gravità del problema in riferimento sia alla compressione della concorrenza, sia per gli inevitabili impatti sui rapporti tra le diverse componenti della filiera, ha deciso di convocare le associazioni di categoria per individuare una soluzione che possa salvaguardare l’intero comparto del gioco lecito e ristabilire un equilibro all’interno dello stesso”.

As.Tro, durante l’incontro del prossimo venerdì, “solleciterà l’Amministrazione, in virtù delle prerogative che le sono riconosciute dalla normativa vigente, ad emanare una direttiva che regolamenti la riassegnazione dei nulla osta dismessi sulla base di criteri che possano garantire la libera concorrenza all’interno del mercato e la tutela del diritto di fare impresa per ogni segmento della filiera del gioco lecito, evitando la costituzione di ingiustificati vantaggi di posizione solo per alcuni soggetti”.

Commenta su Facebook