‘Abbiamo introdotto restrizioni alla diffusione del gioco d’azzardo che stanno avendo importanti effetti. Basti pensare che sulla costa delle Marche è davvero impossibile aprire nuove attività di gioco. Però noi siamo legislatori e dobbiamo tener conto della applicabilità delle nostre norme. Pensiamo anche solo al contenzioso legale che in molti casi si innesca. Con la nostra legge molti Comuni hanno potuto negare l’apertura di molte attività di gioco. Nell’ambito della prevenzione i nostro Sert hanno messo in campo molte iniziative. L’applicazione della proroga all’adeguamento al distanziometro (approvata dal Consiglio Regionale) può essere considerata un accorgimento tecnico che mette al riparo la Regione ha una serie di contenziosi’. E’ quanto dichiara in Consiglio Regionale delle Marche il consigliere Fabio Urbinati , Pd.