La tassa sulla fortuna non risparmia le “microvincite”. Nell’ultima bozza del disegno di bilancio, il Governo ha esteso il prelievo sulle vincite al Superenalotto, al Superstar, al gratta e vinci e alle slot (AWP e VLT) anche agli importi sotto i 500 euro.

In questo anche chi centrerà un 2 al Superenalotto dei 5 euro che questa vincita in media paga ad ogni estrazione l’1,8% andrà allo Stato. E questo a partire dal prossimo 1° maggio 2020. Un prelievo che sulle piccole vincite diventerà dell’1,3% dal 1° gennaio 2021.

La novità, come detto, è contenuta nell’ultima bozza di manovra dove è già stato previsto l’aumento dal 12% al 15% della tassa sulla fortuna per le vincite superiori ai 500 euro. Quest’ultimo aumento decorrerà dal 1° maggio 2020 così da poter assicurare la messa punto delle vincite erogate dalle oltre 200mila macchinette (Slot e Vlt) sparse sul territorio nazionale.

Di seguito il testo integrale dell’articolo del dl di Bilancio

Art. 93
(Incremento del prelievo sulle vincite)

1. Il prelievo sulle vincite previsto dall’articolo 5, comma 1, lettera a) del decreto del direttore generale dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato 12 ottobre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 265 del 14 novembre 2011, richiamato nell’articolo 10, comma 9, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012 n. 44, è fissato nelle seguenti misure:

a) 1,8 per cento dal 1 maggio 2020 e 1,3 per cento dal 1 gennaio 2021, per le vincite fino a 500 euro;

b) 15 per cento, dal 1 maggio 2020, per la parte della vincita eccedente euro 500.

2. A decorrere dal 1 marzo 2020 il diritto sulla parte della vincita eccedente i 500 euro previsto dall’articolo 6, comma 1, del decreto del direttore generale dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato 12 ottobre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 265 del 14 novembre 2011, richiamato nell’articolo 10, comma 9, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012 n. 44, è fissato al 15 per cento.

3. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli è modificata la percentuale del prelievo sulla vincita dei giochi SuperEnalotto e Superstar destinata al fondo utilizzato per integrare il montepremi relativo alle vincite di quarta e quinta categoria dell’Enalotto, di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto del direttore generale dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato 12 ottobre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 265 del 14 novembre 2011, al fine di adeguarla alle nuove aliquote del prelievo sulle vincite