Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale per contrastare i reati e verificare il rispetto della normativa anti Covid, i carabinieri hanno chiuso per cinque giorni un esercizio commerciale.

A Brusasco, nell’hinterland torinese, i carabinieri della Stazione di Cavagnolo hanno proceduto alla chiusura per cinque giorni di un bar gestito da un cittadino cinese. I militari dell’Arma hanno accertato che non osservava le prescrizioni anti Covid in quanto fuori dal locale era assente la cartellonistica indicante il numero massimo di persone consentite all’interno e quella relativa alle norme di comportamento per evitare la diffusione del virus.

Inoltre sono state trovate delle persone intente a giocare a delle slot machine, attività vietata. Il successivo accertamento sulle cinque macchinette da gioco ha permesso di verificare che erano sprovviste di autorizzazione e non collegate al sistema di controllo delle giocate dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. In totale sono state dunque elevate sanzioni amministrative per oltre 20mila euro.