“La principale fonte di reddito di Cosa nostra continua ad essere il traffico di stupefacenti. (…) La seconda fonte di reddito è costituita dalle estorsioni. Da alcuni anni si è ormai delineata l’attività che costituisce la terza fonte di reddito, peraltro in continua espansione. L’infiltrazione di Cosa nostra nel settore delle slot machines e delle scommesse on line, tenuto conto dell’entità del materiale probatorio raccolto in più procedimenti, deve essere ritenuta ormai accertata. Tale infiltrazione assume una duplice veste”. Lo ha detto il Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, come si legge nella relazione del Presidente della Corte d’Appello di Palermo Matteo Frasca.