Lavorava come barista, ma con il tampone scaduto alcuni giorni prima. Quindi non aveva né il green pass base né quello rafforzato, che le sarà indispensabile dal 15 febbraio prossimo. Non solo: nello stesso bar, situato alla periferia di Urbino, quando si sono presentati gli agenti del commissariato locale per i controlli di rito legati al contenimento dei contagi, c’era una donna che stava giocando alla slot machine, anche lei senza green pass.

Per questo sono scattate le multe. La barista ha ricevuto una sanzione di 600 euro, la donna che giocava alla slot, di 400. Multato per 400 euro anche il titolare del bar perché aveva l’obbligo di controllare che la dipendente fosse munita di green pass.

Lo riporta ilrestodelcarlino.it.